Geol Vetroresina

VantaggiTipologie
Bassa tossicità ed aggressivitàCertificate per rivestimento serbatoi, pavimentazioni industriali, settore nautico o areo-spaziale in combinazione con tessuti rinforzati.
Non contiene solventi
Resistenza meccanica e chimica
Ampio range di utilizzo

Descrizione

Il sistema epossidico è un polimero formato dalla reazione fra resina epossidica e indurente poliammine. Nell’ambito dei materiali compositi, i sistemi di resine epossidiche sono ampiamente considerati superiori a tutti gli altri sistemi sia per la resistenza meccanica sia per il grado di finitura superficiale che riescono a garantire. Le resine epossidiche non contenendo alcun tipo di solvente, risultano essere poco aggressive nei confronti dei materiali su cui vengono applicate. Da ricordare anche l’altissima forza adesiva, la resistenza meccanica ed alla reazione di idrolisi, in grado di proteggere uno scafo dal normale processo di osmosi. Realizzando lo stesso stampo in epossidica, si otterrà un distacco perfetto, un allungamento praticamente nullo, anche a stampate ad alte temperature, ed una lunghissima durata dello stesso.

La resina epossidica, oltre al settore pavimentazioni decorative ad uso civile, è impiegata in svariati ambiti: industria elettrica-elettronica perché è isolante; nel settore nautico o aereo-spaziale in combinazione con tessuti rinforzati (fibre di vetro o il kevlar); nel settore alimentare e farmaceutico per le caratteristiche di resistenza chimico-meccanica e la praticità di pulizia nel settore edile per numerosi interventi di consolidamento e ripristino.

Sono certificate ed utilizzate per rivestimenti di serbatoi in acciaio a semplice e doppia parete o in calcestruzzo adatti allo stoccaggio o al contatto di carburanti da autotrazione quali Bioetanolo (E20), benzina verde (E10), biodiesel, gasolio e altre sostanze chimiche quali soda caustica, acido acetico e solventi. come prima e seconda mano.